Reami

Eccoci quindi a scegliere tra gli Arturiani, servitori del Reame di Re Artù e rappresentanti di tutto ciò che è nobile, onesto e giusto. Conviniti di essere destinati a salvare il mondo, non solo attraverso la conquista ma anche tramite la virtù e lo splendore dello spirito.

I Tuatha Dé Danann, che desiderano essere un tuttuno con la natura. Adoratori della foresta per la sua crudele bellezza e irremovibile stretta su tutto ciò che è vita. Ed è sotto la chioma verde della foresta che si nascondono oscuri segreti e potenti misteri, misteri per cui ogni membro del reame sarà pronto a combattere in loro difesa.

E i Vichinghi, coloro che seguono un sentiero di sangue e acciaio per conseguire la grandezza. Negli alti picchi ghiacciati e picchiati dal vento gelido vi sono le loro case, nelle quali attendono il momento propizio per conquistare le terre sottostanti.

I reami quindi sono 3, come nel classico DAoC, ed è grazie a questa disposizione unica che abbiamo l’RvR, ovvero il Realm versus Realm.

La mappa di Camelot Unchained è di conseguenza l’aspetto più importante, in quanto il gioco stesso è basato sull’ RvR. Lo sviluppo è ancora in corso ma dovrà essere unica, caotica e allo stesso tempo stabile abbastanza da far si che i giocatori vogliano erigere costruzioni nei vari territori.